Argomenti correlati all’opera

Zocchi Giuseppe (Inventore E Altri)

Vedute principali della Città di Firenze.


Firenze

Firenze, G. Molini e C., 1818.


Album in-4° oblungo (mm 250x355), carte [2] (tit. e indice delle vedute tipografici), + 24 tavole numerate di vedute riquadrate da incorniciature inc.in rame, con doppio titolo in italiano e in francese. Sotto al tit.: "Firenze presso Lorenzo Bardi". Legatura in mezza pergamena ottocentesca, piatti e sguardie marmorizzate. Titolo oro al piatto sup. Bellissimo esemplare.
Raccolta completa di vedute di Firenze incise da Matteo Carboni e Giovan Battista Cecchi, ispirate a soggetti in prevalenza di Giuseppe Zocchi (ma anche di Cosimo Rossi, Giuseppe Puliti e Giuseppe Terreni) e da ciò denominata comunemente "Zocchi piccolo" o "Zocchino". In realtà la serie ripete solo alcuni soggetti della Scelta di XXIV vedute del 1744, mentre altre tavole "zocchiane"-nelle quali l'attribuzione allo Zocchi parrebbe apocrifa-sono completamente diverse. Fu edita, per la prima volta, da Giuseppe Bardi verso il 1800, stando a quanto dichiarato da Mori-Boffito, 95, che descrive l'esemplare del fondo Cappugi della Biblioteca Nazionale di Firenze, composto però di sole 20 tavole. Moreni, II, 223 e Bigazzi, n° 5284, 191 riportano, invece, una consistenza di 23 vedute. Sempre Mori-Boffito riferisce che verso il 1830 la serie ebbe una ristampa a cura di Lorenzo Bardi. Dal raffronto di questo nostro esemplare con quella edizione posteriore, abbiamo potuto appurare che furono successivamente aggiunte altre 2 tavole (Palazzo Medici Riccardi e Palazzo delle Cascine, arrivando ad un totale di 26 tavole), tolte sia le incorniciature che i nomi degli incisori, ricomposto il titolo (solo in francese), mentre le incisioni furono ritoccate o forse addirittura reincise. La presente copia, pertanto, rappresenta un'edizione intermedia, rara e sconosciuta alle fonti bibliografiche, che reca in calce alle incisioni il nome di Lorenzo Bardi, ma sul frontespizio tipografico datato 1818 riporta curiosamente la dizione "presso Giuseppe Molini e Comp.".
Codice:   9957

Richiedi informazioni sull'opera: